ACLI SAVONA
ACLI SAVONA

Ora che sappiamo

ORA CHE SAPPIAMO!

Il progetto “Ora che sappiamo” mira al promuovere azioni di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, partendo dai contesti educativi principali (scuole, parrocchie, centri giovanili, luoghi di aggregazione formali ed informali, enti di formazione) per rivolgersi ai giovani, già a partire dalla fascia d’età 15-19 anni, quella in cui si forma la coscienza critica sul mondo esterno. Il contrasto alla violenza non passa solo dagli sportelli antiviolenza e dal, pur fondamentale, sostegno alle vittime, ma comincia dall’educazione delle giovani generazioni, per favorire un vero e proprio cambiamento culturale e di mentalità, nei ragazzi e nelle ragazze. Infatti è pensiero diffuso che gli episodi di violenza, che si svolgono, per lo più, fra le mura domestiche, siano questioni private da risolvere fra le pareti di casa. Fornire ai giovani gli strumenti della consapevolezza permette loro sia di riconoscere il fenomeno, sia di avere gli strumenti per maturare una posizione, nei ragazzi, di rispetto nei confronti della figura femminile – e, nelle ragazze, la consapevolezza del proprio ruolo.

Lo scopo del progetto è, inoltre, quello di promuovere la diffusione delle informazioni, tramite sportelli di “segretariato sociale”, che possano fornire notizia, alle donne e alla cittadinanza tutta, dei servizi di contrasto alla violenza presenti sui diversi territori di attuazione. Raggiungere il più alto numero possibile di cittadini significa diffondere la consapevolezza del fenomeno e rendere tutti possibili promotori di buone pratiche e detentori di preziose informazioni che, tramite il passaparola e le reti informali, potrebbero aiutare molte donne ad uscire dalla condizione di vittima di violenza. La ricerca Istat 2016, infatti, evidenzia proprio che nel 42,7% delle denunce di episodi di violenza, le prime confidenze vengono raccolte da amici o vicini di casa.

Da ultimo, si vuole favorire l’empowerment delle donne vittime di violenza o anche solo a rischio, in ottica preventiva, ad esempio in presenza di situazioni di particolare fragilità socio-economica, tramite l’attivazione di un servizio di orientamento al lavoro e alla ricerca attiva di esso.

Francesca - Servizio Civile 2019